LogoEditoreMinisito_RadioRai
Teche Rai Museo della Radio e della Televisione

In evidenza

La sede di Trieste

La sede triestina del'EIAR viene inaugurata nel 1931 in Piazza Oberdan. Sotto l'occupazione tedesca viene fondata la Radio Litorale Adriatico che trasmette in tedesco, italiano e sloveno. Alla fine della guerra, dopo alcuni giorni di silenzio, il 5 maggio 1945, il maggiore partigiano Ante Novak saluta gli ascoltatori da Radio Trieste Libera - Radio svobodni Trieste che trasmette sulla lunghezza d'onda 263.2. In giugno la stazione passa sotto il governo militare alleato. Dopo un anno di irradiazione dei programmi sloveni e italiani sulla stessa frequenza, la trasmittente slovena trova una sua collocazione e viene denominata Radio Trieste.

Il palinsesto comprende, oltre alle trasmissioni sulla realtà locale, anche trasmissioni slovene , italiane e croate della BBC, NBC E B4. Nel 1958 scoppia un incendio negli studi di Piazza Oberdan e Radio Trieste A trasmette dall'Auditorium triestino. Nel 1964 si inaugura una nuova sede alla presenza del primo ministro Aldo Moro, si tratta della più moderna delle sedi della RAI dell'epoca. Nel 1967 si attivano dei trasmettitori nella provincia di Udine. Radio Trieste A è in particolare dedicata alla popolazione di lingua slovena del Friuli Venezia Giulia. Radio Trst A è inoltre una finestra aperta sull'attualità in Italia, Slovenia e nel mondo.

Rai.it

Siti Rai online: 847